Carie dentali: tutto quello che c’è da sapere

Più di 9 persone su 10 hanno già avuto almeno una carie nella loro vita. Più della metà dei bambini di meno di 12 anni hanno già consultato un dentista a causa di questo problema.

Le carie provocano dolore, anche molto intenso, e possono avere delle serie conseguenze sulla salute dei nostri denti, ma anche sulla nostra salute in generale.

Dolore, febbre, guancia gonfia, ascessi, denti da devitalizzare, infezioni: è una lista davvero lunga. Non sempre la consideriamo un problema grave, e molte persone semplicemente aspettano «che passi». Ma è una pessima idea!

controllo-carie-dentaleUn dente cariato deve essere curato al più presto. Tutti quanti sappiamo che una carie può fare male, alcuni di noi  sanno quali sono le conseguenze se non viene trattata, ma la maggior parte delle persone non hanno conoscenze sufficienti sull’argomento. Gli esperti di Dottordentista.com hanno quindi deciso di scrivere questa guida completa. Definizione, sintomi, trattamento, otturazioni, rimborsi … Ti diranno tutto quello che c’è da sapere sulla carie.

Che cos’è una carie dentale ?  

E’ un’infezione del dente. Lo smalto del dente è il primo ad essere attaccato. Si forma una cavità sulla superficie del dente, permettendo alla carie di propagarsi in profondità. Se non viene curata in tempi brevi, questa cavità andrà ad allargarsi fino a raggiungere lo strato sottostante allo smalto, ossia la dentina. Da qui può poi continuare a scavare fino a raggiungere la polpa del dente.

I responsabili sono gli acidi prodotti dai batteri che proliferano nella placca batterica e che attaccano lo smalto dei denti.   

I sintomi della carie

Se hai uno dei seguenti sintomi, ti consigliamo di consultare un dentista al più presto:

  • Intenso dolore al caldo, al freddo e sensibilità agli alimenti zuccherati
  • In alcuni casi presenza di alito cattivo
  • Un ascesso
  • Un colore anomalo del dente

I sintomi variano e dipendono dallo stadio dell’infezione in cui ci si trova. Le fitte che si possono provare fanno la loro comparsa quando la polpa non è più protetta e diventa quindi molto sensibile.

Come si cura una carie?

curare-dente-cariato

Come curare un dente cariato?

E’ la domanda che ci viene rivolta più spesso, anche perché farsi curare un dente non è mai piacevole; viene subito in mente la famosa paura del dentista e il terribile costo di ogni suo intervento! Ciò nonostante occorre farsi curare, se si vogliono evitare delle conseguenze che possono essere anche gravi, sia per il dente sia per la nostra salute.

Il tipo di cura che verrà messo in atto dipende dallo stadio e dalla gravità della carie, considerando in particolare se è già stata raggiunta la polpa oppure no.

Infatti, se la polpa non è stata ancora intaccata dall’infezione, il dentista procederà ad effettuare un’otturazione. Dopo aver pulito e disinfettato la cavità, il dentista la riempirà con un amalgama o un composito. La polpa in questo caso è integra e il dente resta vivo.

Se invece lo stadio è più avanzato, occorrerà trattare e pulire il canale del dente: nel caso in cui quest’ultimo fosse molto danneggiato, potrebbero essere necessarie una devitalizzazione e un’estrazione. Si può allora installare un impianto dentale.

Se hai il timore di provare dolore durante questo trattamento, vogliamo rassicurarti. Molto spesso viene effettuato in anestesia locale, perciò non avvertirai alcun male per tutta la durata del trattamento.

Come prevenire la carie?

spazzolare-i-dentiSi possono mettere in atto dei semplici gesti e adottare qualche abitudine per evitare di avere una carie dentale:

  • Lo spazzolamento dei denti : è il gesto fondamentale per evitare la carie. Bisogna spazzolarsi i denti due volte al giorno per qualche minuto, se possibile con uno spazzolino elettrico, se vuoi ottenere il migliore risultato. Puoi anche passare il filo dentale per eliminare i residui di cibo che vanno ad incastrarsi tra i denti.
  • Utilizzare un dentifricio al fluoro(il fluoro ha un effetto di protezione dalle carie).
  • Evita di fare degli spuntini tra i pasti. Se ad esempio mangi degli alimenti zuccherati nel corso della giornata e dopo non usi lo spazzolino, questi residui rimarranno « incastrati » tra i denti e aumenteranno il rischio di avere una carie
  • E’ indispensabile consultare il dentista almeno una volta all’anno. In questo modo potrà individuare una carie prima che inizi a provocare dolore, e effettuerà una detartrasi
  • Cercare di mantenere un’alimentazione equilibrata e povera di zuccheri
  • Evitare di fumare. Il tabacco rende lo smalto e le gengive più fragili.

Per evitare le carie nel bambino, il tuo dentista potrebbe proporti una procedura preventiva e poco costosa chiamata sigillatura dei solchi dentali.

Tieni a mente questi nostri consigli e vedrai ridursi notevolmente il rischio di avere una carie.

Come trattare il dolore provocato dalla carie?

attrezzi dentista

Recarsi dal dentista è importante

Non hai ancora avuto modo di andare dal tuo dentista ma soffri di carie dentali? Ecco qualche consiglio che potrebbe esserti utile mentre aspetti il tuo appuntamento. In genere il dolore fa la sua comparsa dopo i pasti o la sera. Il dolore che inizia fin dalla mattina si intensifica sempre quando ci si stende e diventa pulsante.

E’ ciò che chiamiamo comunemente mal di denti. Mentre aspetti di consultare al più presto il tuo dentista, ecco cosa devi fare:

  • Prendi degli analgesici(paracetamolo) rispettando la posologia indicata sul foglietto illustrativo
  • Pulisci i denti con un idropulsore riempito d’acqua tiepida e miscelato con un collutorio
  • Cerca di mantenere la parte superiore del corpo e la testa in posizione rialzata utilizzando dei cuscini. In questo modo potrai allentare la pressione quando ti sdrai.
  • Se riesci a vedere la cavità nel dente e la puoi raggiungere facilmente, puoi provare a umettarla con dell’olio essenziale di chiodi di garofano.

Come riconoscere una carie?

La presenza di una carie si può riconoscere da :

  • Ovviamente dal dolore. Può essere più o meno intenso, in genere lo si avverte soprattutto di notte, ma può manifestarsi anche di giorno e quando si mangia qualcosa di caldo o di freddo.
  • Passando la lingua sul dente cariato, potrai avvertire sulla sua superficie la presenza di un’irregolarità.
  • Potresti notare una macchia nera sulla superficie dello smalto in trasparenza

Il dolore non si presenta sistematicamente. Al minimo dubbio, consulta subito il tuo dentista. Meglio andarci anche se si tratta solo di un falso allarme, piuttosto che aspettare e correre il rischio che il problema diventi serio.

Le false credenze riguardo alle carie

I denti da latte non si possono cariare.

E’ falso. I denti da latte, come d’altronde tutti i denti, possono essere soggetti a carie.

I bambini hanno carie più frequentemente rispetto agli adulti.  

Vero e falso. E’ vero che i bambini mangiano più alimenti zuccherati e tendono a dimenticarsi di spazzolare i denti, ma anche gli adulti possono andare incontro a delle carie.

Una carie fa sempre male.  

Falso. Può accadere che non provochi alcun dolore, soprattutto all’inizio dell’infezione.

Sistema sanitario nazionale e rimborsi

  • Per evitare le carie e avere dei denti belli e in salute, i bambini devono prendersene cura fin da piccoli (spazzolamento, alimentazione, ecc.), e prendere l’abitudine di andare dal dentista. Prima si individuano i problemi, più semplice è trattarli. Il nostro Sistema Sanitario Nazionale prevede per i soggetti da 0 a 14 anni l’attivazione di programmi di monitoraggio di carie e mal occlusioni, il trattamento della patologia cariosa e la correzione delle patologie ortognatodontiche a maggior rischio. Questi interventi saranno gratuiti, a patto che sussista una vulnerabilità sociale o sanitaria accertata. Ogni Regione ha una propria normativa a riguardo, per cui occorre informarsi presso la propria Asl di appartenenza per verificare se si rientra nel novero dei soggetti esentati dal pagamento delle prestazioni. Per la popolazione generale, il nostro Servizio Sanitario Nazionale prevede comunque la possibilità di avere garantite le seguenti prestazioni:
  • VISITA ODONTOIATRICA: al fine della diagnosi precoce di patologie neoplastiche del cavo orale
  • TRATTAMENTO IMMEDIATO DELLE URGENZE ODONTOSTOMATOLOGICHE: trattamento delle infezioni acute, emorragie,dolore acuto, compreso pulpotomia, molaggio di irregolarità smalto-dentinali conseguente a frattura. (Con accesso diretto)

Per quanto riguarda i bambini, elenchiamo qui di seguito alcune delle tappe fondamentali dello sviluppo della dentizione. Si tratta di momenti delicati in cui è caldamente consigliato effettuare dei frequenti controlli per monitorare la salute dentale del bambino.

  • A 6 anni spunta di solito il primo molare. Questi sono i denti più esposti al rischio di carie.
  • A 9 anni i denti da latte coesistono coi permanenti, rendendo più difficile il corretto spazzolamento dei denti e di conseguenza aumentando il rischio di carie.
  • A 12 anni, anche se la dentizione è completata, lo smalto è ancora fragile.
  • A 15 anni si entra nell’adolescenza e in certi casi si trascura un po’ l’igiene orale.
  • A 18 anni si hanno ben altri pensieri rispetto alla salute dei propri denti, e si rischia di lasciare campo libero alle carie.

Otturazioni dentali e carie: prezzi e rimborsi  

Ormai lo sappiamo, le cure dentali sono rimborsate poco o nulla. Per questo molti pazienti evitano di farsi curare. Anche quando si tratta di una carie. Ma a quanto ammonta il rimborso per questo tipo di cure?

trattamento della carie

Trattamento della carie

Come abbiamo visto in precedenza, ogni Regione ha una sua normativa riguardo alla definizione di chi è esentato dal pagamento delle cure dentistiche. Per i soggetti che non rientrano in queste categorie sociali più deboli, vige il rimborso del 19% delle spese sostenute inserite nel modello precompilato 730, al lordo della franchigia di 129,11 Euro. Una buona idea potrebbe essere quella di sottoscrivere una assicurazione dentistica complementare. Attualmente sul mercato sono presenti numerose polizze, con costi variabili e che coprono in misura differente le varie prestazioni dentistiche. Per questo è sempre consigliabile leggere con molta attenzione i prospetti informativi e scegliere quella che meglio si confà alle nostre esigenze.

Di seguito elenchiamo alcune delle procedure tipicamente associate al trattamento delle carie con i loro relativi costi, secondo il Tariffario odontoiatrico di riferimento medie-nazionali aggiornato al 1 gennaio 2017. Ovviamente i costi sono indicativi e possono variare anche di molto in base all’area geografica in esame, ai materiali utilizzati (ad esempio utilizzo di amalgama o di composito) e all’onorario del singolo dentista.

Tipo di intervento Costo intervento (€)
Radiografia endorale delle arcate
dentarie completa
24 €
Ablazione del tartaro 61 €
Sigillatura dei solchi per dente 12 €
Estrazione di un dente o radice 35 €
Piccola otturazione 60 €
Otturazione estesa 110 €

Conclusioni

Il trattamento delle carie dentali è sicuramente la cura effettuata più spesso in uno studio dentistico, ed è necessario non prendere mai questa infezione alla leggera. A volte potremmo essere tentati di interrompere le cure, una volta che il mal di denti è passato. Noi lo sconsigliamo caldamente, non solo perché il dolore finirà per ripresentarsi,ma anche perché le conseguenze possono essere davvero gravi, sia per i tuoi denti che per la tua salute in generale.

Ecco qui un video che ti spiega dove si instaurano le carie, come prevenirle e come curarle.