Ponte dentale: cos'è, quanto costa 💸 e come si installa

Dottordentista.com viene supportato dai lettori. Quando acquisti tramite un link sul nostro sito potremmo guadagnare una commissione di affiliazione che non comporta alcun costo per te. Scopri di più.

  • Home

Quanto costa un ponte dentale? Guida Completa 

Quando mancano uno o più denti, il chirurgo dentista può proporre di installare un ponte dentale, un elemento che rientra nella categoria delle protesi dentali.

Vuoi conoscere i vantaggi e gli inconvenienti di questa protesi? Ti parliamo di:

La nostra guida vuole fornirti tutte le informazioni sull’argomento: il costo, la procedura d’installazione, il rimborso garantito dal nostro Servizio Sanitario Nazionale, e molto altro.

Quanto costa un ponte dentale?

Il prezzo del ponte dentale dipenderà dal materiale utilizzato e dal tipo di ponte scelto. Ma il dentista vorrà sempre esaminare la bocca e lo stato dei denti prima di confermare la procedura e stimare un prezzo per il trattamento. Normalmente un ponte dentale costa tra 150€ e 900€.

Ponte dentale costo

La scelta di ponti di installare solitamente viene fatta dai pazienti sotto il consiglio del dentista. Di solito il professionista presenta delle opzioni più adatti alla situazione dei pazienti. Viene spiegata quali sono i vantaggi e gli svantaggi, tempo e costo per ogni soluzioni presentata. Solitamente, sono i pazienti che scelgono la soluzione che preferiscono in base anche alla loro disponibilità economica.

Il costo di un ponte dentale varia in base ai materiali utilizzati e al tipo di procedura scelta:

  • Per un ponte incollato o Maryland Bridge, il costo varia tra i 150€ e i 700€.
  • Per un ponte con 3 corone, il costo è compreso tra i 900€ e i 2.500€.
  • Per un ponte su impianti : tra i 900€ e i 1.500€ a impianto. Dovrai poi aggiungere dagli 800€ ai 1.700 € per corona.
Durata Costo
Ponti tradizionali 5 - 15 anni, con possibilità di durare più a lungo. 900 €
Ponti a bandiera Tra i 15 e i 20 anni 450 € -550 €
Ponti Maryland  5-7 anni 150 € - 700 €
Ponte dentali mobili 8- 10 anni 200 € - 600 €

I prezzi possono variare notevolmente in base ai materiali adoperati, all’onorario del dentista, agli esami svolti, all’area geografica in cui si risiede, ecc. Ad ogni modo, il tuo dentista ha l’obbligo di fornirti un preventivo. La scelta dei materiali da utilizzare dipende da te, in funzione delle tue possibilità economiche e tenendo in conto il rimborso a cui hai diritto da parte del SSN e da una tua eventuale polizza medica. Informati sempre presso la tua ASL di appartenenza per verificare se hai diritto a particolari agevolazioni

Ponte dentale prezzo: assicurazione per risparmiare

Il conto finale può risultare oneroso. Ecco perché vogliamo ricordare ancora una volta che sul mercato si trovano delle assicurazioni che prendono in carico queste spese. Prima di effettuare queste cure ti raccomandiamo di informarti bene per scoprire quale polizza ti permetterà di risparmiare di più.

In questo articolo parliamo di tutte le assicurazioni disponibili in ambito della salute orale.

Vitanuova offre servizi assicurativi molto economici e completi utili per affrontare spese odontoiatriche risparmiando fino al 70%.

Risparmia dal dentista con la polizza di Vitanuova

assicurazione-vitanuovaVitanuova offre un servizio assicurativo per ottenere agevolazioni e risparmiare su diversi trattamenti dentali e sulle spese odontoiatriche.

I vantaggi:

  • Accesso prioritario a strutture sanitare private in tutta Italia
  • Cure odontoiatriche a tariffe agevolate, con sconti di fino al 70%
  • Possibilità di includere fino a 6 persone dello stesso nucleo familiare

Costo: solo 90€ annuali.

Inoltre, sono inclusi anche servizi oculistici, di fisioterapia, di diagnosi e checkup a cui poter accedere a prezzi agevolati.

Ponte denti costo: Cessione del Quinto

La Cessione del Quinto è un prestito particolare che viene concesso a specifiche categorie di professionisti. Ciò che lo differenzia da un prestito tradizionale è il piano di rimborso. Il beneficiario rimborsa l’istituto di credito erogatore con un al massimo un 20% (un quinto, appunto), del proprio stipendio o pensione.

Se vuoi saperne di più sulla Cessione del Quinto leggi il nostro articolo.


Ricorda inoltre che si possono ridurre queste spese del 50% o persino del 70% avvalendosi delle cure prestate all’estero in paesi che offrono il cosiddetto turismo dentale, come ad esempio la Croazia o l’Ungheria.

Se non fai parte della categoria di persone che può richiedere il finanziamento attraverso la cessione del quinto esistono altri tipi di prestito per cure dentali che possono fare al caso tuo. Ti invitiamo a saperne di più nel link sottostante:

Rimborso e costo ponte dentale  

Le cure odontoiatriche possono essere molto costose. Per questo motivo moltissimi italiani decidono di farsi curare all’estero, soprattutto quando devono effettuare trattamenti importanti e onerosi come l’installazione di una protesi.

Per un ponte incollato, si ha diritto solamente ad un rimborso dal SSN del 19% delle spese sostenute al lordo della franchigia di 129,11€. Per questo ti consigliamo di verificare se la tua eventuale assicurazione dentistica rimborsa questo tipo di prestazioni (e che massimale del rimborso ha, che percentuale di rimborso offre, ecc.).

Cos’è un ponte dentale?

Un ponte dentale è una protesi utilizzata per sostituire uno o più denti mancanti ed è la soluzione più comune scelta dai pazienti che non vogliono sottoporre alla chirurgia.
Il ponte, o “bridge”, viene fissato su due denti prossimali che assumono il nome di “denti pilastro”. Questi denti vengono ridotti di volume o devitalizzati.

I dentisti scelgono il miglior tipo di ponte da installare in base a diversi fattori e situazioni dentale dei pazienti.

Ponte o impianto: quali sono le differenze?

ponte dentale

Il ponte e l’impianto sono due soluzioni e tipi di protesi dentarie che possono sostituire i denti mancanti. Entrambe offrono dei vantaggi, ma anche degli inconvenienti. Per fornirti tutte le informazioni relative a questi due trattamenti procederemo a spiegarli nel dettaglio.

Ponte dentale

Come abbiamo visto, questa protesi si appoggia su due denti pilastro, situati ai lati del dente mancante. Se anche un dente pilastro dovesse essere danneggiato, verrà devitalizzato e curato. In ogni caso entrambi i denti pilastro vengono fresati dal dentista.

Vantaggi del ponte dentale

  • Può rimpiazzare numerosi denti: è abbastanza comune installare questo tipo di protesi per sostituire 2 o 3 denti mancanti.
  • Il suo costo è molto meno elevato rispetto agli impianti.
  • L’aspetto estetico si avvicina alla perfezione, con l’uso di tonalità identiche a quelle degli altri denti. È praticamente impossibile da notare.
ponte dentale costo

Svantaggi del ponte dentale

  • I denti pilastro sono in molti casi denti intatti che dovranno essere fresati e devitalizzati. Occorre quindi “sacrificare” due denti sani.
  • Come per tutte le spese dentistiche, il SSN rimborsa solo una minima parte il costo.
  • La radice del dente al centro viene eliminata, perciò col passare del tempo l’osso della gengiva tenderà a ritirarsi. Se un giorno sarà necessario installare degli impianti potrebbe risultare complicato.

Impianto dentale

Anche l’impianto dentale ha i suoi vantaggi e i suoi inconvenienti:

Vantaggi dell’impianto dentale

  • Lascia i denti vicini a quello mancante intatti e si integra completamente nell’osso della mascella.
  • Ogni volta che si mastica stimola l’osso e lo obbliga a rinnovarsi costantemente.
  • I mini impianti dentali possono essere installati anche in persone che hanno l’osso mascellare deteriorato o troppo sottile.
  • L’igiene orale è più semplice da mantenere rispetto ad altre protesi dentali.
ponte denti costo

Svantaggi dell’impianto dentale

  • Ha un costo elevato.
  • Il SSN rimborsa soltanto il 19% delle spese sostenute al lordo della franchigia di 129,11€.
  • La procedura di installazione richiede diversi appuntamenti e dura varie settimane.
  • ll tempo di guarigione e la fase di osteointegrazione dura almeno 3 mesi dipendendo dalle condizioni delle ossa.

Quali sono le differenze tra le due protesi dentarie?

Per riassumere le differenze che intercorrono tra le due protesi, possiamo dire che il ponte dentale è una protesi meno costosa, con un processo di cura e un’installazione più rapidi, e non richiede trattamenti invasivi.

L’impianto ha una maggiore durata, non ha bisogno di denti pilastro su cui fissarsi e quindi non danneggia gli altri denti, però è più costoso.

Nel seguente video vengono illustrate le differenze tra impianto e ponte dentale:

Tieni presente che esiste una terza opzione per sostituire uno o più denti mancanti, la dentiera. Leggi il nostro articolo dedicato a questo tipo di protesi per saperne di più.

A parte di impianti e ponti (che possono anche essere mobili) ricorda che esistono anche gli intarsi Onlay/Inlay possono andare incontro alle tue necessità.

Ponte o impianto (o dentiera): confronto

Nella tabella di seguito mettiamo a confronto le alternative per sostituire i denti:

Ponte dentale Dentiera Impianto dentale + Corona
Tipo di posizionamento Attaccato ai denti adiacenti - non rimovibile Rimovibile Impiantato nell'osso mandibolare - fissato in posizione
Durata 5-15 anni, può durare più a lungo 5-10 anni, può durare più a lungo 20 anni / a vita
Comfort Come un dente naturale, se installato correttamente Può allentarsi nel tempo e causare disagio Come un dente naturale
Aspetto Come un dente naturale, tranne per il fatto che è di metallo Può apparire artificiale - gli elementi di fissaggio in metallo possono essere visibili Come un dente naturale
Masticazione/Igiene Come con denti naturali Alcuni cibi dovrebbero essere evitati - va rimossa per pulizia Come con denti naturali
Pro e contro Richiede la rimozione dello smalto dai denti adiacenti Può scivolare fuori posto - soggetta a danni o a perdita quando viene rimossa Richiede un intervento chirurgico - basse possibilità di infezione
Prezzo 900 € al pezzo, nel caso non sia necessario l'impianto 150-700 € a seconda che sia parziale o completa 1000-1800 €

Ponti dentali fissi: come si installano

Prima di tutto dobbiamo parlare dei tipi di ponte dentale.

Tipi di ponti dentali

I tipi di ponte sono:

  • Ponti che si appoggiano sui denti naturali.
  • Ponte sui 2 impianti.
  • Ponte Maryland.
  • Ponte a Bandiera o Cantilever.

L’installazione può avvenire secondo diverse procedure, ma la più comune è quela che descriviamo di seguito:

ponte dentale prezzo

Come attaccare un ponte dentale?

  • Nel corso della prima fase, il chirurgo dentista esegue le cure del caso. L’area dove manca il dente viene curata, se necessario, e il pezzo di dente che è eventualmente rimasto viene estratto. I denti pilastro vengono fresati per dargli la giusta forma.
  • Durante il secondo appuntamento viene presa l’impronta dentale: il dentista la consegna ad un protesista che realizzerà il ponte. Per prendere l’impronta il dentista utilizza a più riprese una pasta che viene fissata alla mascella e che sarà il calco della futura protesi dentale.
  • La terza fase prevede l’installazione del ponte. Si effettua in poco tempo. In seguito il dentista verifica che i denti superiori ed inferiori si chiudano correttamente e che il ponte non dia problemi. Se necessario può limare e fresare la protesi per eventuali aggiustamenti. L’installazione quindi richiede solamente due o tre appuntamenti dal tuo dentista.

Ponte incollato o ponte Maryland

ponte maryland

Se è necessario sostituire solamente un dente il dentista può scegliere di installare un ponte Maryland. Come nel caso precedente, realizza un’impronta dei denti e fa realizzare dal protesista un dente intermedio munito di due alette metalliche, che verranno incollate nella parte interna dei denti adiacenti. Il vantaggio di questa procedura è quello di mantenere intatti i denti attigui.

Un Maryland Bridge Ã¨ una protesi fissa che sostituisce un singolo dente mancante utilizzando i denti vicini come supporto. Viene anche utilizzato come protesi provvisoria mentre come soluzione estetica in attesa di posizionare la protesi definitiva.

Ponte a bandiera o Cantilever

ponte a bandiera

La particolarità del ponte a bandiera Ã¨ che si supporta su un unico dente pilastro che viene precedentemente limato per ricevere la corona. Il dente mancante viene debitamente sostituito dalla parte protesica.

Di solito solo si usa come soluzione provvisoria. È una soluzione valida per quando non si può fare affidamento a due denti pilastro ma solo a uno che potrà sopportare la funzione di ancoraggio. Oppure, nei casi in cui sia necessario sostituire un dente di fine arcata.

Ponte su impianti

ponte su impianti

Questa procedura è necessaria quando il paziente non ha dei denti che possano fungere da pilastro. Una protesi classica in questi casi non può essere installata, ed è perciò necessario utilizzare degli impianti. Si tratta ad ogni modo di una procedura relativamente semplice.

I dentisti scelgono il ponte su impianti quando si riesce a posizionare 2 impianti e ne riesce a mettere 3 denti.

Il chirurgo dentista installa gli impianti dove mancano i denti pilastro. Il ponte pertanto è composto da 3 corone, due delle quali saranno fissate sugli impianti.

Per sapere come invece viene tolto un ponte leggi il nostro articolo, potrebbe risultare necessario in caso di fastidio.

Domande frequenti

Come togliere un ponte dentale?

Non puoi rimuoverlo. Un ponte dentale è progettato per essere fissato in posizione in modo permanente. Se il tuo ponte dentale non si adatta bene, il tuo dentista potrebbe essere in grado di rimuoverlo e cementarlo nuovamente per una migliore vestibilità. Le dentiere, invece, possono essere rimosse in qualsiasi momento. Leggi il nostro articolo su come togliere un ponte dentale.

Quanto dura un ponte dentale?

Un ponte dentale può durare 10-15 anni o più. Uno studio inglese su 80.000 pazienti ha rilevato che il 72% dei monconi convenzionali per ponti dentali è durato 10 anni. Dopo questo tempo, i materiali iniziano a deteriorarsi e i denti di supporto sono maggiormente a rischio di carie.

Ho ingoiato un ponte dentale cosa fare?

Se ingerisci accidentalmente un ponte dentale durante la masticazione o dormendo, visita il medico, soprattutto se non compare nelle feci dopo 2-3 giorni, perché può impigliarsi nel sistema digestivo e causare problemi più seri.

Esistono soluzioni temporanee che possono venirti in soccorso in modo provvisorio.

Autori:
Belén Maviglia
Belén Maviglia
Redattrice specializzata nel settore dentale e del benessere, Belén è anche un'esperta di comunicazione digitale.
Revisionato dal punto di vista medico da:
Madel Lalican
Madel Lalican
Assistente alla Poltrona presso StudioDentistico Associato da quasi 20 anni.