Corona dentale: cos'è e quando è necessario metterla

Dottordentista.com viene supportato dai lettori. Quando acquisti tramite un link sul nostro sito potremmo guadagnare una commissione di affiliazione che non comporta alcun costo per te. Scopri di più.

  • Home

Corona Dentale: Cos’è, Quando Metterla e Quanto Costa

capsula dentale

Hai sentito parlare di corone o capsule dentali? Se stai cercando informazioni su prezzi, tipologie e come vengono utilizzate, sei nel posto giusto. Forse hai bisogno di una corona dentale per ripristinare un dente danneggiato; O forse vuoi migliorare il tuo sorriso senza chirurgia implantare. Qualunque sia la ragione, avrai sicuramente molte domande.

La corona dentale fa parte della famiglia delle protesi dentali. Si tratta di una soluzione che viene spesso proposta dai dentisti. Il problema è che richiede un investimento importante. In effetti la spesa è tale che molti pazienti preferiscono rinunciare a questa soluzione, anche quando è indispensabile per la salute dei loro denti.

Ti trovi in questa situazione? Stai esitando a fare il primo passo? Sei alla ricerca di alternative che ti aiutino ad alleggerire il conto del dentista? Non sai quanto ti verrà rimborsato dal Servizio Sanitario Nazionale? Hai dei dubbi riguardo al materiale da scegliere per la tua corona?

In questo articolo ti spiegheremo tutto nel minimo dettaglio. Come per gli altri nostri articoli sui ponti (come quelli provvisori), l’ortodonzia, gli impianti e tutti gli argomenti che trattiamo, andremo ad elencare le principali informazioni che occorre conoscere sulle corone dentali: prezzi, utilità, tempi di installazione… In questo modo potrai farti un’idea più precisa in merito e avrai tutti gli elementi necessari che ti consentiranno di prendere una decisione con cognizione di causa. 

Che cos’è la corona dentale

Corona dentale e capsula dentale sono sinonimi. Si tratta di una specie di cappuccio che viene posizionato sull’intera parte visibile del dente quando è danneggiato. Ne ripristina la forma, l’aspetto e la funzionalità.

La corona è una protesi che ha l’aspetto di un dente vero e proprio. Può essere utile in numerosi casi:

  • Per proteggere un dente fragile
  • Per restaurare un dente rotto, scheggiato o usurato che provoca mal di denti
  • Per restaurare un dente devitalizzato
  • Per coprire e sostenere un dente che presenta una grossa otturazione quando non rimane abbastanza materiale sano
  • Per coprire un dente malformato o di colore sgradevole
  • Per coprire un impianto dentale
corona dentale

Viene fissata con del cemento o incollata. Può essere fabbricata in numerosi materiali e può rimpiazzare uno o più denti. Può anche essere realizzata per installare un impianto in seguito all’estrazione di un dente: poiché in questo caso non c’è più la radice, la si rimpiazza con un impianto su cui poi si installa la corona.

Nel caso una corona che ti era già stata installata saltasse puoi applcare una corona temporanea mentre aspetti di farti visitare da un dentista.

Corona dentale in ceramica, metallica o in metallo ceramica

Le capsule sono realizzate con un’ampia varietà di materiali. Possono essere in metalli come l’oro o progettate per rendere il dente il più naturale possibile.

Prima che esistessero le capsule dentali, l’unico modo per trattare un dente danneggiato o con una carie importtante era rimuoverlo. Grazie alla corona dentale, i dentisti ora hanno un altro modo per salvare gran parte della struttura del dente ed evitare il dolore che deriva da un’estrazione.

Il tuo dentista ti elencherà diversi tipi di corone dentali. Le più comuni sono le seguenti:

  • La corona metallicaè la più utilizzata proprio perché è quella che costa di meno. Tuttavia è anche quella meno gradevole da un punto di vista estetico, e perciò viene installata soprattutto per i denti posteriori. Ha prezzi e colori variabili in base al tipo di metallo adoperato (con o senza oro).
  • La corona dentale in resina: si utilizza in modo provvisorio per proteggere il dente mentre si attende la realizzazione della corona definitiva. Occorre fare attenzione a non portarla troppo a lungo poiché diventa in fretta porosa e permette ai batteri di attraversarle.
  • La corona in metallo ceramica: è costituita da una struttura in metallo rivestita di ceramica dello stesso colore del dente. Permette quindi di avere una protesi che è al contempo gradevole esteticamente e anche resistente, grazie alla sua struttura metallica. Il suo punto di forza è l’aspetto naturale.
  • La corona dentale in ceramica: per la sua realizzazione si utilizzano delle procedure all’avanguardia. È costituita da un’armatura in ceramica ultra-resistente e rivestita da ceramica dello stesso colore del dente. Si tratta quindi di una protesi di qualità estremamente elevata.
  • La corona in zirconio-ceramica: è costituita da un’anima di zirconio rivestita di ceramica all’esterno. Questo materiale è di colore bianco, pertanto la protesi ha un aspetto estetico molto simile a quello del dente naturale.

Quanto costa una corona dentale

Il prezzo di una capsula dentale varia a seconda del materiale di cui è composta, di seguito trovi una tabella riassuntiva.

  • Una corona in metallo costa tra i 90 € e i 150 €.
  • Una corona in ceramica (porcellana) costa tra 190 € e 500 .
  • Le corone in metallo -porcellana costano tra i 90 € e i 360 €.
  • Le corone provvisorie costano tra 30 € e € 50 €.

Tieni presente che, come per qualsiasi trattamento odontoiatrico, il prezzo delle capsule dentali varia da un professionista all’altro o a seconda della clinica odontoiatrica. Vale la pena dedicare un po’ di tempo a confrontare i prezzi di diversi professionisti. Soprattutto se hai bisogno di più di una corona o di un ponte fisso.

Il prezzo non è l’unica cosa che devi considerare quando devi farti installare una corona. Dovresti valutare i pro e i contro di ogni tipo. Non dimenticare di chiedere al tuo dentista i prezzi, ma anche il tipo di corona dentale più adatta al tuo caso.

Costo corona dentale in resina

Le corone provvisorie in resina sono solite costare meno (tra i 30 € e i 50 €) ma hanno l’inconveniente di non essere resistenti e durevoli.

Ecco una tabella con i diversi prezzi e caratteristiche di ogni tipo di corona dentale.

Tipo di corona Corona in metallo Corona in ceramica (porcellana) Corona in metallo-ceramica Corona provvisoria
Costo medio in Italia 90€-150€ 190€-500€ 90€-360€ 30-50 €
Froza Eccellente Tende a rompersi Eccellente per il metallo, più fragile per la porcellana Forza media
Durabilità Eccellente Buona durata se si fa attenzione a non romperla Buona durata se si fa attenzione a non romperla Bassa rispetto alle altre
Estetica Argentata o dorata
Non simile a un dente naturale
Molto evidente
Passa inosservata, simile a un dente naturale Passa inosservata, simile a un dente naturale Buon colore e forma, simile a quella dei denti naturali
Commenti Ha un grado di elasticità medio e, mordendo, non consuma i denti naturali antagonisti Per la sua durezza è più incline alle fratture, inoltre usura maggiormente i denti antagonisti Il rivestimento è simile a quello delle corone in ceramica quindi ha gli stessi limiti Materiale elastico, non danneggia i denti antagonisti

Che fattori che determinano il prezzo di una corona?

Il prezzo di una corona dentale dipende da numerosi elementi. Non esiste una vera regolamentazione dei prezzi, perciò ciascun professionista può chiedere una cifra differente.

corona-dentale-sorriso
Una buona corona dentale rende la tua esteticamente dentatura più gradevole

Il prezzo finale dipende anche dalla regione in cui vivi. Ad esempio se abiti in una grande città del Nord o del Centro potrai aspettarti un conto molto più salato rispetto a chi invece abita nelle regioni del Sud, o a chi si rivolge presso studi situati in città con meno abitanti. Le differenze possono essere davvero considerevoli, e si spiegano in genere con il minor costo degli affitti e delle spese che uno studio dentistico deve sostenere quando si trova in una piccola città o nel Sud Italia.

Se vuoi approfittare di tariffe ancora più basse (dal 50 al 70% meno care), potresti pensare all’eventualità di rivolgerti all’estero, soprattutto se devi sostituire più denti (qui ad esempio trovi la nostra guida sulle cure dentali in Croazia, un paese che oggi viene considerato un punto di riferimento europeo per la qualità delle cure prestate, con dei prezzi che possono consentirti di risparmiare fino al 70% di quanto pagheresti in Italia).

Devi anche prestare attenzione ai materiali utilizzati. Alcuni professionisti potrebbero “spingerti” a scegliere una corona in ceramica piuttosto che una metallica. Se però ti serve per sostituire dei denti non visibili (come ad esempio i molari) è una spesa di cui puoi senz’altro fare a meno. Non dimenticare mai che l’ultima parola spetta sempre a te.

Prima di intraprendere questo passo, dovresti:

  • Chiedere un preventivo a diversi professionisti
  • Scegliere il materiale più adatto alle tue necessità e al tuo budget
  • Sottoscrivere una buona assicurazione complementare (che rimborsi in modo adeguato l’installazione di protesi dentali)
  • Se vuoi contenere al massimo le spese puoi anche scegliere di effettuare le cure all’estero (soprattutto se devi installare più impianti).

Come vengono rimborsate le corone dentali?

Questo è sempre un argomento sensibile. In effetti in Italia i rimborsi previsti dal nostro Sistema Sanitario Nazionale per le cure odontoiatriche sono davvero irrisori: si ha diritto ad un rimborso del 19% IRPEF al lordo della franchigia di 129,11 €. Perciò se ad esempio una corona ci è costata 1000€, dovremo sottrarre la franchigia e calcolare la percentuale che ci verrà rimborsata: in questo caso avremo diritto ad un rimborso di 174 € circa.

A partire dal 2016 le spese mediche riconosciute vengono inserite automaticamente dall’Agenzia delle Entrate nel nuovo modello 730 precompilato, mentre vanno inserite a mano dai contribuenti che utilizzano il modello cartaceo tradizionale nel rigo E1 a E5.

Non si tratta quindi di un rimborso molto elevato (come in genere avviene per tutte le spese odontoiatriche), a meno che non si rientri nelle categorie protette che godono di maggiori agevolazioni. In questo caso occorrerà rivolgersi alla propria ASL di riferimento per ottenere informazioni, dato che ogni Regione ha diverse disposizioni in merito.

Un’altra soluzione da tenere a mente è quella di sottoscrivere una buona assicurazione complementare, valuta anche l’opzione di sottoscrivere un’assicurazione dentistica senza massimale. È completamente gratuito, e ti consentirà in un attimo di mettere a confronto i rimborsi offerti dalle varie assicurazioni. Le differenze tra le polizze sono eclatanti, perciò se intendi installare una corona e disponi di un budget limitato ti consigliamo caldamente di prenderti 2 minuti per fare la comparazione.

Aggiungiamo inoltre che una corona ha una durata compresa tra i 5 e i 20 anni. Ciò significa che tra qualche anno dovrai sostituirla. La durata di queste protesi dipende dalla propria igiene orale, dal materiale in cui sono realizzate e dalla perizia del dentista. Una corona non è per sempre: anche per questo è meglio essere previdenti scegliendo una buona assicurazione complementare.

Scegliere la migliore assicurazione per farsi curare al meglio

assicurazione-corona-dentale
Puoi assicurarti per ottenere un buon rimborso

Come abbiamo visto prima nel nostro esempio, se hai una o più corone da installare si fa presto ad arrivare ad una cifra considerevole, soprattutto se ti accontenti dell’esiguo rimborso offerto dal nostro Servizio Sanitario. Per molte persone può essere insostenibile spendere 874€ di tasca propria ogni 1000€  di spesa.

Per questo motivo scegliere la migliore assicurazione disponibile è un investimento che ti consentirà a lungo termine di ottenere un grande risparmio. Spendere qualche euro in più ogni mese per una polizza davvero valida è il modo migliore di procedere. Serve a poco risparmiare a tutti i costi al momento della sottoscrizione, se poi i rimborsi offerti non sono soddisfacenti. Inoltre, nella maggior parte dei casi, potrai già installare la corona dopo qualche settimana dalla sottoscrizione della polizza.

Una buona assicurazione dentistica è quella che ti rimborsa meglio le prestazioni che ti interessano, e che ti permette in questo modo di ammortizzare notevolmente le spese, consentendoti in molti casi di ottenere un rimborso totale dei costi sostenuti.

Cessione del quinto

In alternativa puoi richiedere un finanziamento a tasso fisso attraverso la Cessione del Quinto. Possono accedere ad essa le seguenti categorie di professionisti:

  • dipendenti statali
  • dipendenti della pubblica amministrazione
  • dipendenti parapubblici
  • pensionati pubblici o privati (per anzianità, non per invalidità o con pensione di reversibilità)
  • militari

Se fai parte di una di queste categorie di seguito trovi un simulatore della rata che dovresti pagare che varierà in base al prestito di cui hai bisogno:

 

Prendersi cura dei denti con corone dentali

Corone provvisorie

Mentre hai la capsula temporanea in posizione, dovresti evitare di mangiare cibi gommosi e appiccicosi come gomme da masticare o caramelle morbide in quanto potrebbero far sí che si staccassero. È anche meglio evitare cibi duri, come carote e mele crude.

Prova a mordere e masticare sul lato della bocca opposto alla corona, oppure usa solo la corona per masticare cibi molto morbidi. Infine, quando usi il filo interdentale, fallo con attenzione. Inserisci il filo tra i denti e non rimuoverlo tirandolo verso l’alto, ma facendolo scorrere verso l’esterno. Se lo tiri come al solito, potrebbe impigliarsi sul bordo della corona temporanea e staccarla.

Quando conservi le corone provvisorie per troppo tempo, tendono a macchiarsi e a perdere la vestibilità facilmente. Evita di mangiare cibi che colorano i denti e di fumare per evitare che cambino colore più velocemente.

Capsule dentali permanenti

capsule dentali
capsule dentali

Il tuo dentista potrebbe consigliarti di evitare cibi duri o appiccicosi il primo giorno dopo che la tua corona è stata fissata in modo permanente. Questo darà al cemento un tempo extra per asciugare.

Una volta fissata la corona, prova a serrare i denti e a mordere in tutte le direzioni, perché se c’è qualcosa che ti infastidisce o senti qualcosa di strano, deve essere riparato il prima possibile in modo che non si riscontrino altri danni o interferenze con il morso.

A lungo termine, i denti con corona dovrebbero essere curati allo stesso modo dei denti naturali. Spazzolali dopo ogni pasto e passa il filo interdentale ogni giorno. Se sei preoccupato che il filo interdentale rimanga impigliato sul bordo della tua corona, considera di investire in un idropulsore per una corretta igiene orale.

Se la tua corona si rompe o si stacca completamente, contatta immediatamente il tuo dentista in modo che possa valutare il danno. Le fratture possono essere temporaneamente riempite di resina, ma l’unica soluzione definitiva è la sostituzione totale della corona. A volte, se le corone e il dente rimanente rimangono integri, possono essere cementati nuovamente.

Conclusioni

Come purtroppo ci capita spesso di ricordare, farsi curare i denti costa molto caro, soprattutto quando parliamo di protesi come le corone.

Il tuo dentista ha l’obbligo di farti un preventivo. Perché allora non richiederne diversi a vari dentisti per poter così scegliere il migliore?

Se devi installare la corona su un dente non visibile, opta per una metallica. Se invece ti occorre per i denti anteriori dovresti sceglierne una in ceramica, anche se è più costosa. Per sostenere il costo puoi sempre sottoscrivere una polizza dentistica.

Tieni anche a mente la possibilità di recarti all’estero per il cosiddetto turismo dentale, ad esempio in Croazia, se hai necessità di contenere al massimo le spese. La qualità delle cure è equivalente a quella che otterresti in Italia, ma i prezzi possono essere fino al 70% meno cari. Inoltre molti studi ti offrono dei pacchetti tutto compreso, con spostamenti e alloggio organizzati da loro (hotel, bus e navette dalle maggiori città che ti portano direttamente in sede).

Domande frequenti

A cosa servono le corone dentali?

Corone o capsule vengono utilizzate per ripristinare i denti danneggiati per diversi motivi. I dentisti le usano per proteggere i denti deboli, riparare i denti rotti o impedire che i pezzi incrinati si rompano ulteriormente.

Qual è la differenza tra capsula e corona dentale?

corona dentale

Nessuna. Sicuramente hai sentito i termini “capsula” o “corona” e non riesci a capire la differenza tra loro. Entrambi significano la stessa cosa.

Certo: capsula dentale è un termine meno tecnico di corona dentale, ma entrambi sono usati per riferirsi a una copertura dentale completa posizionata su un dente che è stato precedentemente trattato e levigato (come puoi vedere nell’immagine). Alcune persone potrebbero dire che una corona è di colore metallico mentre le capsule dentali sono del colore dei denti, ma questa differenza non viene riconosiuta dai dentisti.

È inoltre importante non confondere corone o capsule con faccette dental, poiché queste ultime sono in realtà un tipo di trattamento estetico che consiste nell’attaccare uno strato di materiale, composito o porcellana ultrasottile, al dente sano per modificare l’aspetto dei denti.

Come pulire le capsule dentali?

  1. Lavati i denti ogni giorno al mattino e alla sera per due minuti. Usa un dentifricio al fluoro. Concentrati sull’area vicino alle gengive per evitare la formazione di batteri sul dente naturale sotto la corona.
  2. Usa il filo interdentale per rimuovere i resti di cibo che potrebbero causare carie o altri problemi nell’area intorno al rivestimento. Inserisci il filo interdentale tra la corona e il dente adiacente, rilasciare un’estremità ed estrai il filo dall’altra estremità (non tirare verso l’altro o il basso perché rischi di staccare la corona).
  3. Un idropulsore è molto utile se hai corone dentali in quanto fa un lavoro migliore del filo interdentale quando si tratta di pulire le aree dei denti difficili da raggiungere.
  4. Usa un collotuorio al fluoro dopo ogni pasto per prevenire l’accumulo di batteri.
  5. Pianifica regolarmente le pulizie con il tuo dentista.

Come rimuovere le capsule dentali?

I dentisti usano metodi diversi per rimuovere le corone dentali permanenti. In alcuni casi, viene applicata solo una certa forza per rompere il sigillo di cemento e rimuovere la corona intatta. Ma in altre procedure, parte o parti della capsula vengono tagliate, quindi la corona di solito non è riutilizzabile.

Quanto durano le corone dentali?

Sebbene le corone siano una soluzione a lungo termine per ripristinare i denti danneggiati, potrebbero non durare per sempre, di media durano 15 anni. Alcuni materiali sono più delicati di altri: l’oro, ad esempio, non corre lo stesso rischio di frattura o scheggiatura della porcellana.

Il tuo dentista potrebbe dirti che le corone dentali dovrebbero durare circa 15 anni, ma potrebbero durare molto più a lungo. Uno studio del 2013 ha valutato 2.340 corone in metallo-ceramica a base d’oro e ha scoperto che il 97% delle capsule è durato più di 10 anni, mentre l’85% si è danneggiata dopo 25 anni.

Motivi per cui una capsula dentale può essere sostituita con un’altra:

  • Se la porcellana (ceramica) si rompe o si rovina
  • Se il metallo sottostante alla ceramica resta esposto.
  • Se la capsula rovina gli altri denti (di solito gli antagonisti).
  • Se sono presenti carie in ciò che è rimasto del dente o della radice sottostante alla corona.
  • In caso di deterioramento dell’aspetto estetico, soprattutto nei denti anteriori, quelli più visibili.

Autori:

Belén Maviglia
Belén Maviglia
Redattrice specializzata nel settore dentale e del benessere, Belén è anche un'esperta di comunicazione digitale. La sua missione per Dottordentista.com? Aiutare i lettori a migliorare la loro salute orale rendendo le informazioni comprensibili e accessibili a tutti.