Apparecchio dentale per bambini

Quando compaiono i denti permanenti del bambino, ogni genitore si preoccupa della posizione dei denti… Si allineeranno da soli? È probabile che vi siate posti anche voi la stessa domanda riguardo la dentatura del vostro bimbo.

Ovviamente, la risposta a questa domanda dipende da tanti fattori e solo una visita dal dentista permetterà di ottenere una diagnosi e una serie di raccomandazioni sul trattamento più adatto, che può comprendere l’installazione di un apparecchio dentale anche nei più piccoli.

apparecchio-fisso-con-ferrettiIn effetti l’ortodonzia non è riservata esclusivamente agli adolescenti e agli adulti, alcuni specialisti consigliano addirittura di iniziare il trattamento molto presto, anche dall’età di 3 anni, permettendo di correggere la forma della mascella prima che la dentatura permanente compaia.

Ma l’ortodonzia precoce è veramente efficace? I risultati sono durevoli? E quali sono i trattamenti offerti ai bimbi?

È allo scopo di rispondere a tutte queste domande che vi proponiamo oggi su Dottordentista.com un fascicolo speciale sull’apparecchio dentale nei bambini.

Quando è necessario l’apparecchio per il bambino?

Di solito è il dentista, durante una visita di controllo, a consigliare per i piccoli pazienti un’ approfondita visita da un ortodontista specializzato, potrebbe infatti presentarsi un problema di natura estetica (prognatismo mascellare e mandibolare) o funzionale (respirazione con la bocca o difetto di pronuncia).

Bisogna dire che i problemi legati all’allineamento e al malposizionamento dentale sono raramente causati dai denti stessi ma possono avere diverse cause:

  • Cattive abitudini (ciuccio, vizio di succhiarsi il pollice…)
  • Torsione cranica
  • Disfunzione ventilatoria o respirazione con la bocca
  • Posizione sbagliata della lingua
  • Disturbi di crescita del palato in larghezza
  • Disturbi di crescita delle mascelle (in avanti o all’indietro)
  •  Cheiloschisi o labbro leporino

L’uso dell’apparecchio dentale nel bambino, di solito affiancato ad altri trattamenti ortofonici, osteopatici o ortottici, contribuirà ad evitare altri trattamenti più importanti in futuro (estrazione dentale, chirurgia, ecc).

Parliamo quindi di un intervento considerato preventivo poiché il trattamento anticipato permette di correggere le disfunzioni all’origine e quindi di preparare la base ossea laddove cresceranno i denti permanenti. Non si tratta quindi di spostare i denti da latte ma di equilibrare le interazioni tra le due mascelle e di ottimizzare la masticazione.

L’importanza della masticazione nei bambini

masticazione-bambinoLa masticazione riveste una grande importanza durante la crescita. Il passaggio da un’alimentazione liquida a un’alimentazione solida deve avvenire il più presto possibile, preferibilmente appena il bambino è capace di stare seduto da solo affinché i muscoli responsabili della masticazione si attivino e abbia inizio il fenomeno di usura dentale.

Inoltre la scoperta degli alimenti solidi permette anche di favorire lo sviluppo cognitivo del bambino attraverso la scoperta di nuove forme e di nuove consistenze.

Gli specialisti raccomandano, sotto la supervisione di un adulto, di lasciare i bambini mordere e masticare del pane duro, dei pezzi di mela o di carota cruda ogni giorno in modo da evitare problemi dentali in futuro. L’alimentazione morbida o macinata deve quindi lasciar presto spazio a un’alimentazione solida, varia ed equilibrata.

I segnali che devono allertare i genitori

Se pensi vi siano delle anomalie nella posizione delle mascelle o dei denti del tuo bambino, ti consigliamo di contattare un dentista il prima possibile, anche prima della comparsa dei denti permanenti.

Di seguito elenchiamo alcuni segnali che potrebbero essere considerati:

  • Un divario tra gli incisivi superiori e inferiori
  • Una mascella più avanzata rispetto all’altra
  • I denti che si accavallano
  • Un spazio molto grande tra i denti
  • Differenza tra la parte centrale dei denti superiori e la parte centrale dei denti inferiori
  • La respirazione costante con la bocca
  • Il russare durante la nanna

Se è presente uno tra questi comportamenti nel tuo bambino non è comunque il caso di allarmarsi troppo. Il problema non è necessariamente grave e inoltre esistono ormai numerosi trattamenti per correggere in modo durevole un cattivo posizionamento della mascella o dei denti.

I vari tipi di apparecchi dentali per bambini

Il tipo di trattamento che ti potrà essere consigliato da uno specialista, dipende sicuramente da due principali fattori: l’età del tuo bambino e qual è l’origine del suo problema ortodontico.

Gli apparecchi ortopedici o dento-facciali

maschera-dentale-Delaire

La Maschera di Delaire

In questo caso il trattamento ortodontico agisce sulle mascelle dei bambini e non direttamente sui denti. Sono di solito i trattamenti più precoci perché hanno per obiettivo il corretto riposizionamento delle mascelle prima che i denti definitivi compaiano.

Ne esistono di vari tipi a seconda delle disfunzioni:

    • Maschera facciale di Delaire
      Composta da un apparecchio intra-orale ancorato ai denti e da una maschera rimovibile che deve essere indossata almeno 10 – 12 ore al giorno. Questo sistema viene utilizzato quando la posizione della mascella superiore è troppo indietro rispetto alla mascella inferiore. L’obiettivo è quindi di esercitare una trazione della mandibola in avanti. I risultati sono visibili piuttosto velocemente ma gli specialisti raccomandano di tenere l’apparecchio per almeno un anno.

 

    • Apparecchio monoblocco
      Utilizzato nel caso di intervalli importanti, questo apparecchio blocca la mascella del bambino.

 

    • Apparecchio di Herbst
      Composto da una parte superiore e da una parte inferiore collegate tra loro da ferretti metallici, questo apparecchio ha l’obiettivo di spingere la mandibola in avanti.

 

    • Placca espansiva
      Costituita da una placca di resina modellata sul palato, da una vite centrale e da ganci ancorati ai molari, questo apparecchio permette l’espansione dell’arcata superiore nei casi in cui è troppo stretta.

 

    • Quad Helix
      Anch’esso utilizzato per allargare l’arcata superiore, questo apparecchio è costituito da due anelli installati sui primi due molari superiori e da un cavo metallico saldato agli anelli che passa sul palato.

Gli apparecchi ortodontici

I trattamenti ortodontici che riguardano la dentizione del bambino, iniziano generalmente dai 7-8 anni in quanto comportano vari vincoli che non li rendono adatti ai pazienti più piccoli:

  • Il bambino deve aver superato la fase di suzione del pollice e del ciuccio
  • L’apparecchio deve essere indossato in maniera quasi permanente
  • La pulizia completa dei denti deve avvenire 3 volte al giorno
  • L’apparecchio deve essere lavato con frequenza e mantenuto con attenzione
  • Le visite dall’ortodontista sono frequenti

apparecchio-bambini-coloratoPer via dell’efficacia e della durata dei risultati fanno dell’apparecchio fisso (con i ferretti) la soluzione di maggior successo per bambini e adolescenti. I suoi attacchi metallici sono fissati sui molari o incollati direttamente sui denti e poi legati tra di loro con un cavo metallico. Esistono anche molte alternative ai classici ferretti metallici: alcuni sono di materiali meno visibili come la ceramica o la resina, le placchette possono essere installate sulla faccia interna dei denti (lato lingua) gli ormai popolari apparecchi linguali.

Oltre alle placchette si possono utilizzare anche degli elastici intermascellari che hanno lo scopo di esercitare una trazione migliorando la posizione delle mascelle.

I trattamenti ortodontici nel bambino e nell’adolescente durano generalmente dai 18 ai 24 mesi, periodo durante il quale il paziente dovrà recarsi frequentemente dall’ortodontista per verificare l’evoluzione del trattamento e far regolare l’apparecchio.

Dopo questo periodo bisognerà comunque considerare almeno un altro anno nel quale si indosserà un apparecchio di contenzione che aiuterà a stabilizzare i risultati. Esistono due tipi di apparecchi:

  • Gli apparecchi di contenzione fissi: aste o stecche incollate dietro i denti
  • Gli apparecchi di contenzione rimovibili: mascherina, placca espansiva, placca di Hawley, ecc.

Gli apparecchi per l’educazione funzionale

Generalmente portati di notte e hanno lo scopo di impedire ai bambini di respirare attraverso la bocca, questi apparecchi permettono di accompagnare la dentizione lavorando sulla posizione della lingua. Si presentano di solito sotto forma di mascherine o apparecchi monoblocco rimovibili, in silicone o in poliuretano.

In conclusione

Per l’ortodonzia la diagnosi precoce è un elemento chiave nel successo di un trattamento.
A partire dai 6 anni, in alcuni casi anche prima (dai 3 anni), se si notano segnali di criticità, è importante sottoporre il bambino ad una accurata visita dal dentista in modo che possa sia possibile verificare che la crescita dentale del bambino sia corretta.
Se così non fosse, è importante sapere che oggi esistono un gran numero di trattamenti ortodontici adatti ai bambini, in grado di risolvere con tempismo il problema prima che diventi più serio.
L’ortodonzia precoce funziona molto bene e spesso evita l’uso di altri trattamenti più complessi durante l’adolescenza o in età adulta.

Apparecchio dentale per bambini
Vota questo articolo

Apparecchio dentale per bambini: quando è Necessario? - Dottordentista