Sbiancamento denti: il costo dei diversi trattamenti

Dottordentista.com viene supportato dai lettori. Quando acquisti tramite un link sul nostro sito potremmo guadagnare una commissione di affiliazione che non comporta alcun costo per te. Scopri di più.

Sbiancamento Denti: Quanto Costano i Diversi Trattamenti

costo sbiancamento denti

Tra i numerosi trattamenti di odontoiatria estetica oggigiorno esistenti, uno dei più popolari è senza alcun dubbio lo sbiancamento dei denti, un servizio che consente in modo rapido, sicuro, non invasivo e soprattutto economico di migliorare il tuo sorriso. Ma quanto costa sbiancare i denti?

Sia che tu opti per uno sbiancamento dentale professionale effettuato in uno studio dentistico o che scelga l’opzione dello sbiancamento domiciliale eseguito con kit o soluzioni ad hoc, le opzioni di certo non mancano ed è per questo che prima di tutto occorre avere un quadro ben preciso della situazione per poter effettuare una scelta consapevole e adeguata alle proprie necessità.

In entrambi i casi, naturalmente, è sempre opportuno ricordare che per sbiancare i denti e poter avere un sorriso smagliante non esistono prodotti o trattamenti miracolosi capaci di restituire il colore naturale ai denti, si tratta di un percorso più di una soluzione una tantum, richiede una manutenzione accurata e un’attenta prevenzione.

In questo articolo di Dottordentista andremo a trattare specificatamente il costo dei vari trattamenti oggigiorno disponibili per avere denti bianchi e ti illustreremo in dettaglio i vari pro e i contro che possono o meno giustificare l’investimento.

Perché sbiancare i denti?

La verità è che qualsiasi trattamento sbiancante tu intenda eseguire, non potrai certamente negare la sensazione di piena salute che solo un sorriso smagliante sa regalare.

A ciò sono naturalmente legati tutti quei benefici che si riscontrano sia sull’aspetto fisico sia su quello psicologico, effetti che sin troppo spesso vengono tralasciati se è vero che, secondo uno studio effettuato dall’American Academy of Cosmetic Dentistry, circa il 32% delle persone nutre delle perplessità sulla salute dei propri denti e quasi il 20% tende a nascondere il sorriso nelle foto.

Solitamente quando si parla di studio dentistico o di trattamento professionale di qualsiasi natura esso sia, la preoccupazione inevitabilmente è legata all’aspetto dei costi.

Questo forse era vero in passato, attualmente la situazione è ben diversa e non solo per quel che riguarda lo sbiancamento domiciliare come si può pensare. Un percorso di sbiancamento professionale eseguito in uno studio dentistico è molto più a buon mercato di quanto tu possa pensare.

Quanto costa lo sbiancamento dei denti e quanto dura?

sbiancamento denti: quanto costa

Il costo può arrivare a costare diverse centinaia di euro a seconda che sia professionale o no. La durata dipenderà dal tipo di trattamento, vediamolo in dettaglio:

Naturalmente non è possibile stabilire un costo standard valido per qualsiasi professionista dal momento che sono molte le variabili che possono concorrere nel determinare il prezzo finale del trattamento.

Generalmente i fattori che devono essere presi in considerazione per avere un’idea quanto meno generale sono: la tariffa specifica del professionista, la città in cui esercita, le tecniche impiegate, la durata del trattamento, l’eventuale presenza di patologie più gravi connesse a una cattiva igiene orale, il grado di ingiallimento dentale.

Per quel che riguarda gli studi dentistici e i relativi trattamenti professionali si può individuare un range generico che parte dai 150 € sino ai 500 €, i prezzi sono evidentemente riguardanti una singola seduta.

Il prezzo comunque in cui ci si può imbattere con maggiore consuetudine è di 300 €.

Se però le opzioni dei costi sono ampiamente variegati nel settore specialistico, altrettanto lo sono se sceglierai di rivolgerti ai trattamenti domiciliari di sbiancamento denti fai da te.

Qui il range di prezzi risulta ulteriormente esteso, poiché di prodotti disponibili sul mercato e utili a sbiancare i denti ce ne sono diversi e vanno dai semplici dentifrici sbiancanti con relativo costo di 5-10 € sino alle mascherine a base di perossido che possono comportare un costo anche di 50-60 €. I kit di sbiancamento dentale a casa costano dai 15 € ai 60 € ma fai attenzione ai componenti chimici che compongono per evitare che un trattamento tropo economica possa essere dannoso per lo smalto dei tuoi denti.

In questa tabella riassumiamo alcuni dei metodi di sbiancamento professionale e dimiciliare più comuni e di cui parleremo nel corso dell’articolo:

Trattamento Costo Numero medio sedute Durata media seduta Metodo
Laser 300-500 € Dipende 60 minuti Professionale
LED 100-300 € a seduta Dipende 30-45 minuti Professionale
Domiciliare con mascherine 50-250 € Dipende Alcune ore Professionale
Sbiancamento low cost dopo pulizia 50-60 € 1 10 min Professionale
Kit di sbiancamento 15-60 € 10-15 15 min Domestico
Penna sbiancante 10-20 € 10-15 10-15 Domestico
Strisce sbiancanti 10-20 € 10-15 10-15 Domestico
Dentifricio sbiancante 5-10 € 2 volte al giorno 2 minuti Domestico

Poi c’è l’aspetto delle tempistiche.

Ovviamente la natura altamente specialistica di uno sbiancamento dentale professionale comporta una durata superiore rispetto a un rimedio fai da te che fa ricorso magari al gel a base di perossido d’idrogeno come elemento contrastante all’insorgenza delle macchie dentali.

La durata è anch’essa una variabile e dipende dalle cattive abitudini correlate all’igiene del cavo orale, il tabagismo, il consumo di sostanze, cibi o bevande altamente zuccherati o di colore scuro, tutti elementi che favoriscono una decisa riduzione degli effetti sperimentati in fase di trattamento oltre a minare la sensibilità dentale.

Solitamente i benefici si mantengono per una durata minima di 6 mesi sino a un massimo di 2/3 anni.

Qual è il metodo migliore per sbiancare i denti?

Il metodo migliore dipende dai tuoi obiettivi, dai costi che sei disposto ad affrontare e dalle tempistiche che se in grado di aspettare.

Nel settore dello sbiancamento domiciliare potresti, ad esempio, propendere per delle mascherine per bleaching in grado di garantire buoni risultati in un arco temporale non troppo prolungato. Oppure, potresti sceliere una penna sbiancante a base di perossido di idrogeno che può assicurare ottimi risvolti in breve tempo, tuttavia bisogna anche considerare l’aumento della sensibilità dentale se l’uso si fa continuato.

Nel campo dello sbiancamento professionale, invece, potresti optare per uno sbiancamento laser dai risultati immediati, ma dovresti fare i conti anche con costi superiori oppure scegliere un trattamento mediante lampada LED che prevede, però, un numero di sedute maggiori.

Le soluzioni, come vedi, sono svariate, ciascuna con dei piccoli pro e contro. Dovrai scegliere in base alle tue esigenze e al budget a disposizione.

Metodi professionali per lo sbiancamento denti

costo sbiancamento dentale

Lo sbiancamento dentale professionale è una terapia volta all’eliminazione delle macchi dentali e al ripristino del candore originale dei denti.

Si tratta di un iter procedurale che può essere effettuato esclusivamente da una professionista in possesso di competenze altamente qualificate e di un bagaglio specialistico plasmato da anni di esperienza acquisita sul campo e una continua innovazione.

La procedura per ripristinare il colore dei denti prende il nome di Bleaching e si attua mediante il ricorso a specifici agenti chimici dall’alta qualità sbiancante in abbinamento all’attivazione di sorgenti luminose, questo nel caso si prediliga il metodo dello sbiancamento tramite laser.

I metodi considerati professionali sono lo sbiancamento tramite laser o quello mediante luce a LED.

Andremo ora a considerare proprio quest’ultimo.

Sbiancamento LED professionale

L’aspetto interessante di questo trattamento è che possiede dei tratti caratteristi e delle peculiarità in comune con quello che utilizza il laser.

Devi sapere, infatti, che entrambi utilizzano una base chimica similare, ovvero gel sbiancanti a base di perossido di idrogeno o perossido di carbammide, ciò che può variare e fa in modo che si differenzino l’uno dall’altro sono il quantitativo di tempo e di ripetitività della seduta.

Lo sbiancamento dei denti con LED è uno dei più efficaci e, oltre ad aver sostituito l’ormai vetusta tecnologia con raggi UV, è anche tra i più richiesti.

Devi comunque considerare che l’intensità è minore rispetto al laser e proprio in virtù di ciò si renderanno necessarie 3- 4 sedute da 30 minuti o poco più ciascuna prima di poter ottenere risultati visibili.

È previsto anche una certa dose di lavoro da svolgere a casa ripetendo la procedura e facilitando così il consolidamenti dell’effetto sbiancante.

Quanto costa uno sbiancamento dentale professionale?

Come detto precedentemente, i fattori che incidono sul prezzo finale sono diversi (complessità del quadro clinico, stadiazione delle macchie, tariffario dello specialista e regione in cui opera, ecc.).

La media nazionale fa registrare un prezzario oscillante tra i 500 € e i 700 €. Nel caso dello sbiancamento mediante luce LED i costi si aggirano tra i 200 € e i 300 € per ciascuna seduta (calcola che un trattamento ne prevede 3-4).

Sbiancamento professionale domiciliare

Sinora abbiamo visto l’esistenza del trattamento professionale e di quello a casa, esiste però una terza tipologia in grado di coniugare perfettamente entrambi, è lo sbiancamento professionale domiciliare.

Questo specifico metodo prevede che il soggetto, una volta effettuata la seduta o completato un percorso curativo, possa proseguire in autonomia al mantenimento dei risultati ottenuti semplicemente da casa.

Si tratta né più né meno di uno follow up odontoiatrico mediante cui il paziente ha la possibilità d’intervenire direttamente nel mantenimento del bianco dei denti rivolgendosi al professionista solamente per richiedere indicazioni sul prodotto più congeniale da impiegare o sulla corretta procedura da seguire.

In termini di costi e di tempo, questa soluzione risulta particolarmente gradita poiché consente di stabilizzare e fissare i risultati raggiunti senza dover necessariamente interfacciarsi con lo specialista o doversi sottoporre a ulteriori sedute presso uno studio dentistico.

sbiancamento denti prezzi
Il kit Smile Avenue

Nel caso, ad esempio, di soggetti fotosensibili o assuntori di farmaci fotosensibilizzanti, lo sbiancamento professionale domiciliare si rende necessario per consentire da una parte al dentista d’individuare il percorso terapeutico più consono, dall’altra al paziente per di prepararsi a effettuare un lavoro mirato che possa comunque soddisfarlo e gli sia di beneficio per la salute non solo del cavo orale, ma generale.

Il kit della marca Smile Avenue è una valida opzione per realizzare in modo autonomo uno sbiancamento dentale a casa. Nella confezione si trovano ben 4 siringhe-ricariche di gel, la lampada LED e diversi tipi di connettore per collegarla a tablet o smartphone.

CLICCA QUI PER SAPERE IL PREZZO

Costo sbiancamento denti domiciliare

Il costo medio di uno sbiancamento professionale domiciliare dipende dalle tariffe del dentista, dal fatto che verrà realizzato solo su un’arcata dentale o su entrambe e da diverse altre variabili. Il prezzo medio può aggrarsi intorno ai 250-400€

I kit di sbiancamento dentale fai da te è sicuramente più economico. Ne esistono di diversi tipi e il prezzo può partire dai 20€ per arrivare agli 80€.

Come fa il dentista a sbiancare i denti?

Prima di passare alla fase operativa vera e propria, il dentista nel suo studio si occuperà della detartrasi, ovvero la pulizia dei denti.

La pulizia preliminare dei denti è essenziale per rimuovere tutte le eventuali tracce di tartaro o placca presenti e così far in modo che lo sbiancamento non sia ostacolato da eventuali scorie.

Una volta puliti accuratamente i denti si può passare alla fase di bleaching, ossia all’azione di agenti sbiancanti chimici a base di perossido di idrogeno o perossido di carbammide potenziata dall’effetto del laser o della luce LED, in base al metodo scelto.

Nel caso della luce LED le sedute richieste risultano maggiori perché la tecnologia utilizzata è meno penetrante e potente e inoltre la concentrazione di perossido presente è in percentuali minori; discorso differente nel caso in cui il dentista decida di optare per la tecnologia a laser, più potente, penetrante e con percentuali di perossido maggiori (ma è una tecnica che viene effettuata sempre meno di frequente perché causa sensibilità dentale).

In entrambi i casi, a livello chimico avvengono delle reazioni che portano il perossido a essere eccitato dalle onde della sorgente luminosa favorendo così il rilascio di radicali liberi capaci di penetrare in profondità i denti e avviare delle reazioni redox che riducono drasticamente le molecole delle macchie prima di passare alla loro eliminazione definitiva.

La concatenazione di effetti chimici appena esposti avvengono con potenza maggiore se la fonte della sorgente luminosa è il laser, minore se invece è la luce LED.

Se vuoi saperne di più su come viene realizzato uno sbiancamento dentale dal dentista leggi il nostro articolo sull’argomento.

Sbiancamento dopo pulizia dei denti

Lo sbiancamento dei denti post pulizia è conosciuto anche con il nome di sbiancamento dentale low cost proprio in virtù dell’estrema rapidità, semplicità ed economicità del trattamento.

Puoi considerarlo come una specie di prova di uno sbiancamento vero e proprio, difatti consiste in una prima fase in cui si andrà a effettuare la consueta detartrasi, successivamente con una procedura di circa 10 minuti di tempo, il dentista applicherà degli agenti più blandi in grado di garantire un miglioramento di 2/3 toni di colore a un costo davvero esiguo che generalmente si attesa sui 50-60 €.

A dispetto dell’economicità del metodo, i risultati ottenibili sono tutt’altro che blandi. Potrai ottenere dei denti bianchi e un sorriso smagliante da sfoggiare per alcuni mesi prima che la situazione richieda un ulteriore intervento.

Conclusioni

Di metodi per sbiancare i denti ne esistono diversi sul mercato. Avrai sentito parlare anche dei risciacqui o miscele di ingredienti naturali a base di bicarbonato di sodio per ottenere denti bianchi o dei dentifrici sbiancanti. Se tuttavia cerchi una soluzione professionale ne esistono di diverse, il costo dello sbiancamento dentale non deve essere un problema perché esistono soluzioni per tutte le tasche.

Domande frequenti

Quanto tempo dura lo sbiancamento dei denti?

Lo sbiancamento dei denti dura sino a 2/3 anni in condizioni ottimali, tempistica che si riduce a 1 anno o 6 mesi laddove il soggetto incomba in cattive abitudini che riguardano la scarsa igiene orale, una manutenzione insufficiente, l’assunzione di cibi, sostanze o bevande dall’effetto nocivo o coltivi il vizio del fumo.

Naturalmente le tempistiche fornite sono relative ai trattamenti professionali.

Quelli domiciliari hanno durate più esigue e si aggirano intorno a una manciata di mesi.

Quanto costa sbiancare i denti?

I trattamenti professionali per lo sbiancamento dei denti hanno un costo che parte dai 200/300 Euro sino ai 700 Euro, generalmente il costo più sperimentato è proprio una media di questi due valori.

In questo video viene approfondito l’argomento dello sbiancamento dentale da parte di un dentista:

Autori:

Belén Maviglia
Redattrice specializzata nel settore dentale e del benessere, Belén è anche un'esperta di comunicazione digitale. La sua missione per Dottordentista.com? Aiutare i lettori a migliorare la loro salute orale rendendo le informazioni comprensibili e accessibili a tutti.