Sbiancamento per denti sensibili: consigli e avvertenze

Dottordentista.com viene supportato dai lettori. Quando acquisti tramite un link sul nostro sito potremmo guadagnare una commissione di affiliazione che non comporta alcun costo per te. Scopri di più.

Sbiancamento Denti Sensibili, che Prodotti Scegliere

denti sensibli dopo sbiancamento

Esiste lo sbiancamento per denti sensibili? E se sì, quali sono le tue migliori opzioni disponibili sul mercato?

È un’autentica frustrazione prendersi cura dell’estetica del sorriso e sbiancare i denti quando si soffre di eccessiva sensibilità ogni volta che ci si prova. I prodotti senza perossido possono ridurre la sensibilità, rendendoli una valida opzione per lo sbiancamento dei denti sensibili, ma spesso garantiscono risultati meno soddisfacenti.

Fortunatamente, alcuni produttori hanno affrontato questo problema con sistemi di sbiancamento formulati appositamente per lo sbiancamento dei denti sensibili.

In questo articolo, esamineremo alcune dei migliori prodotti per sbiancare i denti ed evitare la sensibilità dentinale. Analizzeremo anche gli ingredienti nei prodotti per lo sbiancamento dentale che causano la sensibilità e quelli che aiutano ad alleviarla o prevenirla.

Il miglior kit di sbiancamento domiciliare per denti sensibili

Se vuoi sbiancare i denti sensibili a casa, senza una formula contenente perossido di idrogeno, hai provato Hismile? Questo kit presenta la loro formula unica PAP+ al posto del perossido di idrogeno, che sbianca i denti senza provocare alcuna sensibilità o danno allo smalto.

Per la stessa forza sbiancante del perossido di idrogeno, ma senza alcuna sensibilità, prova Hismile.

Sbiancamento e sensibilità dentale

sbiancamento sensibilità dentale

Se stai leggendo questo articolo, è probabile che tu sia una delle tante persone che soffrono di sensibilità ai denti, soprattutto durante o dopo le procedure cosmetiche di sbiancamento come ad esempio:

 Questa sensibilità può manifestarsi come dolore durante una procedura di sbiancamento o disagio a posteriori, quando i denti entrano in contatto con stimoli caldi o freddi. Esistono diverse potenziali cause di tale sensibilità, tra cui carie, denti rotti o scheggiati e malattie gengivali. Ma se sei una persona con denti generalmente sani, queste cause possono, per la maggior parte dei casi, essere suddivise in due categorie: sensibilità allo sbiancamento e dentina sensibile.

Denti sensibili dopo sbiancamento

Se i tuoi denti sono solitamente sensibili al contatto con cibi e bevande caldi e freddi la causa probabilmente è lo smalto sottile, ed è più probabile che tu abbia una maggiore sensibilità dopo un trattamento sbiancante. Durante le procedure di sbiancamento dentale, il perossido, sotto forma di gel viene a contatto con i denti. Queste soluzioni di perossido penetrano nella struttura del dente e rimuovono le macchie all’interno della dentina.

Durante questo processo, molti pazienti sperimentano una sensibilità allo sbiancamento che è solo temporanea e dovrebbe scomparire entro un paio di giorni. Questa sensibilità non significa che i tuoi denti siano necessariamente poco sani. Di fatto, le ragioni per cui i pazienti sperimentano la sensibilità allo sbiancamento sono attualmente sconosciute.

Sensibilità alla dentina dopo lo sbiancamento

Un altro tipo di sensibilità è la sensibilità alla dentina. Essa è permanente, a differenza della sensibilità allo sbiancamento che è temporanea e si verifica quando gli stimoli entrano in contatto con aree del dente che hanno la dentina più esposta. Quando lo smalto è sottile o la dentina è esposta, il perossido nella soluzione sbiancante può penetrare nella dentina, causando dolore, sensibilità o disagio. Se i tuoi denti sono solitamente sensibili a cibi e bevande caldi e freddi a causa dello smalto sottile, è più probabile che tu abbia una maggiore sensibilità dopo un trattamento sbiancante.

Posso sbiancare i denti se ho i denti sensibili?

Sì! Anche se provi sensibilità, lo sbiancamento dei denti un’opzione valida per te. Dovresti tuttavia cercare soluzioni specificamente mirate alle persone con sensibilità ai denti. Per fortuna, ci sono molte opzioni disponibili, come strisce sbiancanti per denti sensibili, sbiancamento professionale per denti sensibili, kit per sbiancare i denti sensibili, penne sbiancanti per la sensibilità e, naturalmente, anche dentifrici speciali. Esamineremo tutti questi, ma prima diamo un’occhiata ai principali ingredienti dei prodotti sbiancanti.

Ingredienti per lo sbiancamento dei denti

sbiancare denti sensibili

Esistono un gran numero di ingredienti usati per schiarire il colore dei denti, alcuni più efficaci di altri. E a volte gli ingredienti più efficaci sono proprio quelli che causano maggiore sensibilità dentinale, come è il caso del bicarbonato se unito ad altri elementi. Alcuni sistemi forniscono una soluzione a questo problema includendo anche ingredienti che aiutano a prevenire o ridurre la sensibilità.

Analizziamo gli ingredienti nei prodotti sbiancanti che sono i principali responsabili della sensibilità e gli ingredienti che possono effettivamente alleviarla.

Ingredienti che causano la sensibilità dei denti dopo lo sbiancamento

Molti prodotti sbiancanti contengono perossido. Si sospetta che il perossido sia il principale responsabile della sensibilità quando si tratta di sensibilità allo sbiancamento dei denti. Di solito viene incluso nei prodotti sbiancanti sotto forma di perossido di idrogeno, anche se a volte viene utilizzato anche il perossido di carbammide, che si scompone in perossido di idrogeno e urea.

Il perossido attraversa la superficie del dente e ne cambia effettivamente il colore. Il perossido di idrogeno è un acido debole che ha proprietà ossidanti, che gli consentono di scomporre le molecole coloranti complesse.

Di solito, il dolore, la sensibilità o il disagio sperimentati durante o dopo una procedura di sbiancamento sono solo temporanei. Tuttavia, nei casi in cui l’agente sbiancante non viene applicato correttamente o viene applicato troppo a lungo, potrebbero esserci effetti permanenti come danni allo smalto.

Prodotti per lo sbiancamento dei denti sensibili

Alcuni ingredienti utilizzati nel dentifricio sbiancante e nei sistemi sbiancanti hanno lo scopo di prevenire o ridurre la sensibilità dei denti. Il fluoro è uno degli ingredienti che a volte usano i dentisti, applicandolo direttamente sui denti per rafforzare lo smalto e ridurre il dolore. Sensodyne, uno dei dentifrici più popolari per le persone che soffrono di sensibilità, utilizza il nitrato di potassio che ha una funzione analgesica e il fluoruro stannoso per rafforzare lo smalto.

Esistono anche prodotti e servizi professionali di sbiancamento dei denti in studio progettati specificamente per coloro che hanno una sensibilità allo sbiancamento dei denti. Questi trattamenti di solito vengono forniti con una sorta di gel o siero desensibilizzante.

Una di queste opzioni di trattamento è il kit sbiancante Hismile, realizzato con PAP+ come ingrediente principale sbiancante, invece del perossido di idrogeno.

In alternativa un dentista può far realizzare delle mascherine su misura in cui inserire un gel sbiancante, nel seguente video viene spiegato questo metodo di sbiancamento dentale:

Tieni presente che ogni metodo di sbiancamento ha pro e contro e un costo diverso. In questo articolo ti illustriamo il costo medio dei principali trattamenti di sbiancamento dentale.

Il miglior sbiancante per denti sensibili

Quando si ha la necessità di sbiancare i denti sensibili esistono sul mercato molte opzioni, ma non tutte sono uguali. Oggi ti parliamo di un kit pensato apposta per chi soffre di sensibilità dentinale.

Hismile

hismile

Hismile è uno dei migliori sistemi di sbiancamento per denti sensibili per il semplice fatto che non contiene perossido di idrogeno. Perché è importante? Il perossido di idrogeno viene utilizzato nella maggior parte delle procedure di sbiancamento, sia in studio dentistico che a casa, ed è il motivo per cui le persone soffrono di sensibilità durante lo sbiancamento dei denti.

Il punto è che altre aziende che cercano di fornire lo sbiancamento senza perossido di idrogeno finiscono per creare prodotti che non sono altrettanto efficaci.

Hismile ha invece sviluppato una speciale formula PAP+ che utilizza acido ftalimmidoperossicaproico (PAP) al posto del perossido di idrogeno. È stato dimostrato che la PAP sbianca i denti senza danneggiare lo smalto o causare sensibilità, fornendo allo stesso tempo lo stesso livello di sbiancamento dei trattamenti al perossido.

Un altro vantaggio di Hismile per le persone con denti sensibili è che include anche idrossiapatite, che è un minerale naturalmente presente nello smalto dei denti e che aiuta effettivamente a rimineralizzare la superficie del dente.

Leggi la nostra recensione completa su Hismile per ulteriori informazioni o acquista subito il tuo kit sbiancante Hismile.

Conclusione

Potresti voler sbiancare i denti, ma sei riluttante a farlo a causa di problemi di sensibilità. In tal caso, puoi provare molte opzioni create appositamente per fornire alle persone con sensibilità ai denti un sorriso più luminoso. In questo articolo, abbiamo esaminato tre opzioni che riteniamo siano alcune delle migliori opzioni di sbiancamento dei denti per i denti sensibili. Potresti volerli provare per vedere se funzionano per te.

Ricorda, tuttavia, che un sorriso sano ha molte sfumature; i tuoi denti non hanno bisogno di essere bianchi come quelli delle star di Hollywood per essere al top della forma. Finché ti lavi i denti due volte al giorno, usi il filo interdentale ogni sera e visiti il ​​tuo dentista almeno una volta all’anno, avrai un sorriso di cui essere orgoglioso.

Domande frequenti

Perché i miei denti sono sensibili allo sbiancamento?

I tuoi denti possono essere sensibili a causa dell’agente sbiancante, il perossido, che viene utilizzato nella maggior parte dei sistemi sbiancanti. Non è ancora noto il perché il perossido possa causare dolore, disagio e sensibilità. Ma se questo è un problema, puoi provare uno dei sistemi sbiancanti menzionati sopra o scegliere un’opzione senza perossido.

Quanto dura la sensibilità dentale dopo lo sbiancamento?

La sensibilità allo sbiancamento dei denti di solito dura solo fino a 48 ore dopo una procedura di sbiancamento. Per alleviare i sintomi, dovresti usare un dentifricio che aiuti a ridurre la sensibilità.

Posso sbiancare i denti se ho i denti sensibili?

Puoi farti sbiancare i denti se hai i denti sensibili, ma dovresti cercare prodotti commercializzati specificamente per la sensibilità dentinale. Alcuni kit casalinghi sono dotati di un siero desensibilizzante. Altri usano ingredienti più delicati.

Qual è il miglior prodotto sbiancante per i denti per la sensibilità?

Hismile è un prodotto sbiancante efficace per i denti sensibili. Fornisce infatti risultati evidenti senza perossido di idrogeno e il kit permette di realizzare sedute di sbiancamento per un anno.

Autori:

Belén Maviglia
Belén Maviglia
Redattrice specializzata nel settore dentale e del benessere, Belén è anche un'esperta di comunicazione digitale. La sua missione per Dottordentista.com? Aiutare i lettori a migliorare la loro salute orale rendendo le informazioni comprensibili e accessibili a tutti.